sabato 7 luglio 2012

Capitolo 22: Slow, fast, GayRomeo

Una sera, con PetitePutaine.
Solito sabato sera: da "Siamo due romantiche, vogliamo il grande amore" a "Guarda quello quant'è bono, beviamoci una birra che dobbiamo disinibirci" nel giro di mezzo secondo. Un classico, insomma.
Veniamo avvicinatE ehm, scusate, avvicinatI da uno di quei ragazzi carini e chiacchieroni che distribuiscono flyers (come si chiameranno? Flyeristi? O magari PR! Mi sovviene adesso, dato che sono biondoh) che ci invita a entrare nella discoteca dove lavora.

Pinguazzo: Hola, volete entrare?
Io&PetitePutaine: Sììììììììììì!!!
Pinguazzo: Ma siete italiani?
Io&PetitePutaine: Sìììììì! Ma pure tu??? Nooooo!!!
Pinguazzo: Sììììì! Di dove siete?
Io&PetitePutaine: Isolaniiiiii!
Pinguazzo: Noooooo!
Io&PetitePutaine: Nooooo! Pure tuuuu???
Pinguazzo: Noooooo!
Io&PetitePutaine: NOOOOO! PURE TU???
Pinguazzo: Cazzo, ho detto di NO. Però io e gli isolani abbiamo una connessione che boh. Cioè sai tre miei ex erano isolani.
Io: Ah.
PetitePutaine: Ma tu dimmi.
Io: 'sti cazzi, vero?
PetitePutaine: Ma proprio impressionante.
Pinguazzo: Ma sarete stronzi?
Io&PetitePutaine: AHAHAHAHHAHAHA!
Pinguazzo: Avanti, entrate in discoteca e aiutatemi a riempire la busta paga. Prendete 'sti flyers.

E, dopo una serata alcolica passata in discoteca, dove il ragazzo bono per cui ci siamo ubriacati non ci ha cagati manco di striscio, dove le uniche palpate sul culo che abbiamo ottenuto sono state quelle di gggenti (con la "i" finale) improponibili, dove siamo tornati a casa alle 7 della mattina e abbiamo dormito tutto il pomeriggio, io mi sveglio.
E come tutti i grandissimi froci del mondo, appena sveglio di domenica sera posso fare solo tre cose 1) Grindr, 2) siti-pollaio, 3) andare in palestra. Dato che non vado in palestra e dato che l'iPhone era ir-ri-me-dia-bil-men-te lontano, scelgo la busta numero 2.
Suono d'arpa arpeggiante arpeggiosa: qualcuno mi ha mandato un messaggino.
Era Pinguazzo. Solo che io ero già in mezzo coma etilico, quando l'ho conosciuto e, quindi,  non mi ero reso conto che era decisamente caruccio. E non mi ricordavo che fosse alto 1,80. Insomma ho dedotto che fosse Pinguazzo solo perchè mi diceva "Grazie per aver ingrassato la mia busta paga :) ".
E io che pensai "Ma grazie un corno! Vieni qui e baciami in bocca!". Ovviamente, non ho potuto dare forma scritta a questo pensiero. Non l'ho ritenuto opportuno. Piuttosto, ho preferito trasformarlo in un più cortese "Una di queste sere che non lavori, magari possiamo andare a prenderci un caffè". Clicco "invia" e mi ricordo subito dopo di cosa significhi, nel mondo gay, "prendere un caffè".
Significa scopare.
Servita la figura di merda, bella calda e fumante.
Ma la cosa più incredibile è che lui me lo fa pure notare: "Sei proprio un porco", mi dice con uno smaili. Cerco di spiegargli che volevo davvero solo prendere qualcosa da bere ma lui coglie la palla al balzo e mi fa notare che lo sapeva già che volevo prendere e anche bere, profondendosi in altri quattro o cinque smaili.
Decido di chiudere lì la conversazione. Non gli rispondo. Mi sembrava già di aver fatto abbastanza la figura della zoccola. Non che mi vergogni di fare la zoccola, solo che non posso farla quando mi sono appena svegliato e con ancora mezza sbronza addosso: un MINIMO di ritegno, cacchio.
Però lui continua. E insomma alla fine decidiamo di uscire insieme (tagliamola corta perchè mi sto rompendo le balle di fare la telenovela su una chattata di GayRomeo).

Primo appuntamento: tutto liscio, davvero carino, si parla, si ride e si scherza. Lui è un gran burlone, è giovanissssssssimo, ha solo 24 anni (mi sento un DILF) e ci salutiamo con appena un bacetto sulla guancia.
Perfetto. Non gli piaccio, mi dico.

Tipico, no? Tipico di me, dico. O tutto o niente, bianco o nero, le sfumature mai una volta che mi ricordi che esistano. Ormai sono talmente abituato a questo circuito di sesso che faccio a fatica a poter intendere il mancato avvicinamento fisico come un segno netto e inequivocabile di non interesse. Non so se questo sia merito di questa città, non so se è COLPA di questa città, non so se vuol dire solo che sono una vacca io o, magari, un deficiente... fatto sta che non mi ha baciato né scopato ERGO non gli piaccio. E basta. Categorico.

Secondo appuntamento: lo ritengo un appuntamento del tutto in amicizia. Alla fine della serata, propone di vedere un film a casa mia. "Casa mia" inteso come "camera mia" la quale (come sempre quando ci fai entrare qualcuno di appena conosciuto) era meno ordinata della vita sessuale di Sara Tommasi.
E alla fine del film, la metro era già chiusa. Con un po' di malizia, gli dico che se vuole può rimanere a dormire da me. "Tanto non gli piaccio, dice di no", penso. E mi dice di sì.
E' così bello dormire abbracciati a lui. E credo che sia stata la stessa opinione del suo pene, a giudicare da come reclamava un posto tra i nostri due corpi. Io, però, che sì sarò zoccola ma sono pur sempre un ultra-25enne con un po' di voglia di provare una relazione vera e che duri più di due settimane, prendo in mano la mia dignità e gliela sbatto in faccia (la dignità), dicendogli: "Guarda, dovremmo andarci piano. Io ti piaccio, un minimo, no?". Lui, con un gran sorriso, mi indica con entrambe le mani la sua erezione e io divento così:
E' dolcissimo ed è d'accordo nell'andarci piano.
Sento già qualcosa per lui.
Non è un colpo di fulmine. Pinguazzo non è il nuovo BigAngel. Però tutto questo rispetto che ha per me mi fa un sacco di piacere e mi fa venire voglia di stritolarlo di coccole. Insomma diciamo che c'è una sana simpatia che preme gli argini del fiume "scopamicizia" per invadere i fertili campi del "fidanzamento".

Certo. E poi c'era la marmotta che confezionava la cioccolata.

Terzo appuntamento. Ci andiamo giù pesante col contatto fisico. Ma io, arrivato a un certo punto (leggasi:il momento della penetrazione, di mettere la palla in buca, di chiudere lo spiffero, di TROM-BA-RE) faccio di nuovo la faccia da fatalona sexy e con voce arrocata dal quasi-orgasmo gli dico "No, dai... meglio aspettare". E lui si gira dall'altra parte del letto e sospira "Ok..." e io lo abbraccio da dietro, mentre un ghigno enorme mi sboccia in faccia, da orecchio a orecchio, convinto di essere in Beverly Hills 90210 e tramutato in Donna che la fa sudare a David.

Quarto appuntamento. Stavolta, non ce la faccio più.
"No, aspettiamo, rimaniamo abbracciati". E stavolta è lui che me lo dice. E io che penso "Ecco, ora con le tenerezze esageriamo. Mica voglio fare sei mesi di bacini. Ma va bene". Così ci limitiamo alle cosine leggere, con la speranza che sia l'ultima volta.

Quinto appuntamento. Al letto neanche ci arriviamo. Mi dice che non vuole rovinare niente col sesso.

Io: Scusa, ho sentito bene? Rovinare?
Pinguazzo: Eh...
Io: Ma sbaglio o ci frequentiamo ormai da due settimane?
Pinguazzo: E' che io so già che col sesso andremo a rovinare tutto...
Io: Ma che dici??? Ma insieme stiamo bene! Cioè guarda che non sparisco mica e blablablablablablablablabla
Pinguazzo: ...perchè...
Io: ...e poi mi hai così scaldato che ora non puoi lasciarmi così ti prego dai andiamo da te io sono seriamente interessanto a frequentarti e blablablablablablabla...
Pinguazzo: ...perchè sono passivo anche io!
Io:  
Pinguazzo: Eh...
Io: Ma... passivo oppure passivopassivo?
Pinguazzo: passivopassivopassivo.
Io: Cioè tu proprio mai mai fai fiki fiki?
Pinguazzo: Una volta all'anno, magari.
Io: Ma tu mi piaci...
[Pinguazzo piange. Oh giuro, ha pianto]
Io: No dai, su, su... non è una tragedia essere passivi.
Pinguazzo: Promettimi di non sparire.
Io: Ti sto abbracciando, infatti.

Ho voluto rallentare tutto perchè, chissà, magari sarebbe potuto finire tutto in maniera diversa, rispetto a quando vado direttamente a letto con qualcuno.
Del resto, quando si fanno sbagli, qualcosa si deve pur cambiare.
E' stato così, infatti: ho cambiato e lo stesso sbaglio non l'ho ricommesso. Niente sesso e, quindi, niente ennesimo fidanzato futuro ex. Piuttosto, è venuto fuori un amico un amico.
Rallentare in questa autostrada del sesso o dei sentimenti o di queste intricatissime cose senza nome, per caso fa comunque evitare di farci sbandare e andare fuori strada?
E allora perchè, a me, dopotutto ha bruciato per un bel po', la mancata conclusione con Pinguazzo?
Non dovrei essere contento di aver comunque guadagnato un nuovo amico?
E devo dedurre che i fidanzamenti sono rapidi e le amicizie lente?
Ma non era il contrario? Un'amicizia non si costruiva solidamente fin dalla prima occhiata d'intesa? E un fidanzamento non si costruiva con un sano e lento giorno-dopo-giorno?
Forse né l'uno né l'altro.

O, forse, dovrei imparare a leggere meglio i profili di GayRomeo.

K.I.S.S. (Kiss It Simple, Stupids)



15 commenti:

Doctor Ci. ha detto...

Mi spiace per quello che è successo, questa storia mi aveva preso dall'inizio alla fine!
Da quello che ho potuto constatare su me stesso, non ci ho ancora capito un bel niente.
Quando sono partito lento non è arrivato nulla, quando sono partito veloce è successo tutto. Ma anche il contrario, insomma un grosso casino a cui non sono ancora arrivato alla conclusione :S

Chris ha detto...

Ma hai raccontato pure di quando pianto? Dai sei una merda!!!!!!

BimboSottaceto ha detto...

Cioè, dopo tutto quello che hai combinato... Hai proprio la faccia come il culo xD

BimboSottaceto ha detto...

@doctor Ci ma infatti io sono solito farmi domande a cui non si possono dare risposte ! Benvenuto nel club!

Chris ha detto...

Aahhaahhahhhhhhhh ti devo dire una cosa: credo che pensino che sei tu.
Zcuza.

BimboSottaceto ha detto...

Ma hai problemi di salute mentale? Me l'hai già detto ieri xD comunque basta o questi vengono qui a darmi fuoco al letto mentre dormo xD

Chris ha detto...

Ma tanto il tuo letto è sempre caliente mauahahahahhahhahaha!!!
Vuoi che dica qualcosa? Ti devo scagionare?

BimboSottaceto ha detto...

No, lascia stare. E' piú probabile che tu diventi attivo e concluda il nostro quinto appuntamento piuttosto che loro credano che io non sono te. Comunque grazie per il pensiero autoimmolante <3 ti concedo di aprire un blog.

Chris ha detto...

Ahahahaha ma sai che è mi hai dato una bella idea, nanetto?

BimboSottaceto ha detto...

Ma stasera che facciamo? E quando mi ridai i soldi della bolletta? No, te lo dico così, giusto perché ti stai ostinando a usare 'sto blog per conversazioni private, dimenticando l'esistenza di Whatsapp.

Chris ha detto...

Ok, vengo da te così decidiamo dove andare e ti dò anche i soldi e il cosettino lì. Tu preparati che volevo andare al PK2. Ops, ho di nuovo scritto qui. Sorrami.

Daniii ha detto...

Ciao!!

Bel blog, ci son capitato x caso e la storia mi ha preso un sacco :P
Che brutto quando capita cosi ;(
sigh..

io pure sono in terra spagnola...e leggendo leggendo...quell'accenno alla ridente cittadina universitaria alle porte di Milano...avrai mica studiato a Paviaaaaa????

Anonimo ha detto...

chris, bimbo,
ma mettetevi assieme lo stesso! l'amore è un'inculata pazzesca o è un'altra cosa?

Dado ha detto...

Scusami, ma grandissima stima per il commento sopra il mio! Addoro <3

Comunque siete carinissimi :)

Ccovenant ha detto...

Ho vissuto con questa malattia mortale per oltre un anno, mio marito ho scoperto che eravamo entrambi HIV +. Avevamo provare in tutti i modi di vivere la nostra vita, nonostante questa cosa nel nostro corpo fino a quando non ci siamo imbattuti in questo potente erborista che ha ritratto che aveva il cure.At prima eravamo più scettici, ma mio marito ha insistito sul dare una prova e abbiamo ordinato per alcune delle sue erbe e in poche settimane dopo aver seguito le procedure previste dalla presente erborista, siamo andati a fare una prova, come ci ha detto anche noi stati travolti con la felicità quando ho ottenuto il risultato alla clinica. Il tasso di virus nel nostro corpo è caduto e in poche settimane Eravamo totalmente cured.We anche chiesto perché non è venuto al mondo che aveva la cura e ha detto che ha fatto nel 2011, ma è stato respinto dal team di ricerca internazionale. La cosa più importante è per voi di essere curati se volete sapere su questo erborista lo chiamano il +234 706 542 4920 o via e-mail: herbalcure4u@gmail.com. Dio vi benedica.